Maggiore assunzione di vitamina D è necessaria per ridurre il rischio di cancro al seno, cancro del colon, sclerosi multipla e il diabete di tipo 1

I ricercatori della University of California, San Diego School of Medicine e Creighton University School of Medicine di Omaha hanno riportato che un sensibile incremento nell’assunzione di vitamina D è necessario per raggiungere livelli ematici che possono prevenire o ridurre sensibilmente l’incidenza del cancro al seno e di diverse altre gravi malattie che erano state inizialmente valutate. I risultati sono stati pubblicati il 21 febbraio sulla rivista Anticancer Research. Nonostante questi livelli siano superiori alle assunzioni tradizionali raccomandate, essi sono fondamentalmente, all’interno di un range ritenuto sicuro per l’uso quotidiano da un rapporto del dicembre 2010 della National Academy of Sciences Institute of Medicine.

“Abbiamo trovato che l’assunzione quotidiana di vitamina D da parte di soggetti adulti in un range di 4000-8000 UI sono necessari per mantenere i livelli ematici di metaboliti della vitamina D necessari per ridurre di circa la metà il rischio di diverse malattie – il cancro al seno, cancro del colon, sclerosi multipla e il diabete di tipo 1″, ha detto Cedric Garland, PHD, professore di medicina preventiva e di famiglia presso UC San Diego Moores Cancer Center. “Sono rimasto sorpreso nello scoprire che le assunzioni necessarie per mantenere il livello di vitamina D per la prevenzione delle malattie fossero così alte. Molto superiore alla dose minima di vitamina D di 400 UI / die che era necessaria per sconfiggere il rachitismo nel 20 ° secolo”.

“Non ero sorpreso da questo”, ha dichiarato Robert P. Heaney, MD, della Creighton University, un noto scienziato biomedico che ha studiato la necessità dell’assunzione della vitamina D per diversi decenni. “Questo risultato è stato quello che i nostri studi dose-risposta hanno previsto, ma ci è voluto uno studio come questo, di persone che conducono la loro vita quotidiana, per confermarlo”.

Lo studio riporta un sondaggio di diverse migliaia di volontari che stavano assumendo supplementi di vitamina D nel range di dosaggio da 1000 a 10.000 UI / die. Sono stati condotti studi nel sangue per determinare il livello di 25-vitamina D – la forma in cui quasi tutta la vitamina D circola nel sangue. “La maggior parte degli scienziati che stanno lavorando attivamente sulla vitamina D ora ritengono che 40-60 ng / ml sia l’appropriata concentrazione target di 25-vitamina D nel sangue per prevenire la grande carenza di vitamina D correlata alle malattie e si sono uniti in una lettera su questo argomento “, ha detto Garland. “Purtroppo, secondo un recente studio del National Health e Nutrition Examination Survey, solo il 10 per cento della popolazione degli Stati Uniti ha livelli in questo range, soprattutto le persone che lavorano all’aperto.”

L’interesse per dosi maggiori è stato stimolato nel dicembre dello scorso anno, quando un comitato della National Academy of Sciences Institute of Medicine ha individuato 4000 UI / die di vitamina D come sicuri per l’uso quotidiano da parte di adulti e bambini da nove anni di età in su, con consumi in un range di 1000-3000 UI / die per neonati e bambini fino all’età di otto anni. Mentre il comitato IOM afferma che 4000 UI / die è un dosaggio sicuro, la dose giornaliera minima consigliata è solo di 600 UI / die. “Ora, con i risultati di questo studio, diventerà comune per quasi ogni adulto a prendere 4000 UI / die”, ha detto Garland. “Questa è comodamente sotto i 10.000 UI / die che il rapporto del comitato OIM considera il limite inferiore di rischio, ed i benefici sono notevoli.” Ha aggiunto che le persone che possono avere controindicazioni dovrebbero discutere la propria necessita’di assunzione di vitamina D con il loro medico di famiglia. “Ora è il momento in cui praticamente tutti devono assumere più vitamina D per aiutare a prevenire alcuni tipi principali di cancro, diverse altre malattie gravi e fratture”, ha detto Heaney.

is

Fonte: http://health.ucsd.edu/news/2011/Pages/02-22-vitamin-D-cancer-risk.aspx   “Higher Vitamin D Intake Needed to Reduce Cancer Risk”

http://www.iiar-anticancer.org/openAR/journals/index.php/anticancer/article/view/215  “Vitamin D supplement doses and serum 25-hydroxyvitamin D in the range associated with cancer prevention”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...